FAUST

5 Giu 2014
Produzione Associazione Teatro Buti
Fondazione Pontedera Teatro 2007
Regia e drammaturgia Dario Marconcini
FAUST

FAUST PARTE PRIMA
Storia di una confessione e di un contratto

PARTE SECONDA
Storia di un amore o di quel che ne resta

PARTE TERZA
L’ultima notte

Con la terza e ultima parte si conclude lo studio di Dario Marconcini sul mito di Faust e dell’eterna giovinezza.
Ogni sera verranno riproposti i due precedenti lavori più una terza parte in prima assoluta che faranno tornare il lavoro all’idea iniziale di un unico grande spettacolo dislocato in spazi più o meno convenzionali.
Quando si pensa al Faust, siamo come schiacciati dalla quantità di scritti, di opere teatrali, di poemi, di opere liriche, di lieder, di romanzi, di saggi, di films, insomma una infinità di lavori ispirati a questa storia, un mare sul quale è difficile la rotta che decida la nostra scelta di campo.
È come se in questo mare Faust, intorno alla nostra zattera/testoteatro, affiorassero, dai vari naufragi, rottami dei più svariati Faust ai quali attaccarsi per non affogare.
Ormai la vicenda di Faust è un mito: l’uomo che vende la sua anima al demonio per avere di nuovo la giovinezza e con essa la volontà di potenza per dominare sulle persone e le cose a cominciare dai rapporti di amore; un mito che nasconde la grande bestemmia.
Oggi viene da pensare a quanti, figli del capitale, si rifugiano in cliniche segrete, tra trapianti di organi e chirurgia plastica, alla ricerca di una impossibile eternità e di un prolungamento vano di una gioventù perduta, in lotta con il tempo e perciò con la fretta di bruciare tutto ora e subito con l’inevitabile conseguenza di nefandezza, soprusi, violenze e follia.
Così il nostro spettacolo, come la zattera della Medusa, in questo mare di legnami alla deriva, cercherà di ripercorrere questo mito, che oggi è della borghesia, come prima lo era del nazismo e ancora prima di uno sciamanesimo perduto, toccando solo alcuni dei grandi temi che Faust e Mefistofele sollevano con la loro presenza e alleanza.

Tweet about this on TwitterShare on Google+Share on Facebook

I commenti sono chiusi.