LA RIVINCITA

5 Giu 2014
Di Michele Santeremo
Regia Leo Muscato
Con Michele Cipriani, Vittorio Continelli, Simonetta Damato, Paola Fresa, Riccardo Lanzarone, Michele Sinisi
Scene e costumi Federica Parolini
Luci Alessandro Verazzi
Tecnico Nicola Cambione
Produzione Luca Marengo
LA RIVINCITA

TEATRO MINIMO

TOURNÉE ITALIA – TARANTO

La Rivincita, scritto da Michele Santeramo per la regia di Leo Muscato, realizzato in coproduzione con la Fondazione Pontedera Teatro, è la storia di una moderna, controversa e logorante “tragedia ridicola” fatta di ingiustizie e delle miserie umane di una quotidianità sempre più povera: storie di gente comune, contadini che non riescono ad arrivare alla fine del mese, piccole e grandi meschinità, truffe, tradimenti famigliari, rapporti di potere tra donna e uomo, ma soprattutto debiti e usura.
Appoggiando su una concezione di teatro scarno ma rigoroso La Rivincita mette in scena l’odissea di Vincenzo, un lavoratore della terra reso sterile dal lavoro nei campi avvelenati dai rifiuti tossici e alle prese con una costosissima cura di fertilità, posto in difficoltà da un indennizzo che gli si ritorce contro, sostenuto in modo opinabile dal fratello, espropriato della casa, e irretito dall’avvocato.
Partendo da un assegno scoperto che innesca una catena di conseguenze la pièce parla di un Sud che non è mai stereotipo, di rifiuti chimici che avvelenano la terra e il corpo di chi ci lavora, di banche che non concedono prestiti ai precari, di usurai che consumano l’esistenza di chi non ha più speranze, di persone che inseguono il sogno di una vita normale ma perdono la casa e con essa ogni futuro. Un linguaggio efficacemente secco e modulare, toni grotteschi che mischiano comico e romanzesco, una macchina strutturata in scene brevi di incisiva fruibilità per questa storia di terra e bisogni primari interpretata da Michele Cipriani, Vittorio Continelli, Simonetta Damato, Paola Fresa, Riccardo Lanzarone e Michele Sinisi.

Tweet about this on TwitterShare on Google+Share on Facebook

I commenti sono chiusi.