Piantine che salvano il mondo
(ovvero la curiosa storia di Deucalione e Pirra superstiti)

10 Dic 2018
Di Vittorio Continelli
Spettacolo indicato per studenti della scuola primaria

Orari
10.00
Piantine che salvano il mondo<br>(ovvero la curiosa storia di Deucalione e Pirra superstiti)

Il racconto affronta il mito classico del diluvio di Deucalione e Pirra, mito di fondazione del genere umano, e arriva fino alla contemporaneità affrontando i temi della salvaguardia di un ambiente sano e di una alimentazione che tenga conto dell’ambiente in questione: il nostro territorio e quel che serve a conservarne la vita.

Lo spettacolo parte dalla mitologia e se ne serve per raccontare con toni favolistici la vita presente, contemporanea, coinvolge il pubblico nel racconto stimolandolo a immaginare e ricreare alcune parti del racconto, i ragazzi diventano così complici e protagonisti di una storia che pur partendo da un passato remoto li riguarda molto da vicino.

 

 

Lo spettacolo si inserisce nel percorso didattico DISCORSO SUL MITO

discorso sul Mito è un progetto di racconto teatrale rivolto agli spettatori di ogni età che si pone l’obiettivo di arrivare soprattutto alla popolazione scolastica.
La proposta degli spettacoli è varia, affronta temi diversi, utilizza differenti registri linguistici a seconda del pubblico e si presta a essere adatta a ogni fascia d’età e a ogni tipo di formazione.
La meraviglia dell’esistenza di un mondo è stato uno dei motori della filosofia classica e il mito, racconto e creazione allo stesso tempo, è strumento di cui la filosofia si è servita per raccontare quella meraviglia.
Il mito e la mitologia hanno raccontato per migliaia di anni la storia, le storie e l’anima dell’umanità. Cantori, attori, poeti, narratori si sono alternati per secoli nel tramandare un lascito prezioso, inestimabile. Il mito arriva fino a noi dal nostro passato remoto e noi senza timori lo utilizziamo per raccontare quel passato e il suo immaginario al fine di rappresentare una porzione di presente.
Il progetto, diviso in più sezioni – diversi sono i racconti e i temi affrontati – si inserisce nel filone della tradizione orale: nulla è portato a memoria come in un monologo teatrale classico, ogni storia viene realmente raccontata al momento.

 


I commenti sono chiusi.