ZONA TORRIDA

Guascone Teatro
24 Apr 2014
Adattamento e regia di Andrea Kaemmerle e Riccardo Goretti
Di Donato Sannini e Daniele Costantini
Con Andrea Kaemmerle, Riccardo Goretti e Adelaide Vitolo
Dove:
Pontedera / Teatro Era
ZONA TORRIDA @ Pontedera / Teatro Era

Testo scritto da Donato Sanniti, il primo regista di Carlo Monni e Roberto Benigni durante la loro avventura romana, drammaturgo, autore surreale e pungente osannato dalla critica, cofondatore del teatro Alberico, attore di grande carisma. Morto a soli 38 anni (“di disagio” come soleva dire l’amico Monni). Completamente dimenticato.
“Zona Torrida”, scritto nel 1984 con lo stesso Sannini e Carlo Monni in scena, è adesso ripreso da Andrea Kaemmerle e Riccardo Goretti.

Torquato e Anatrone non escono di casa da tempo immemorabile, passano la vita a letto, oppure divorando panini inverosimili, discutendo se sia meglio imbottirli di Simmenthal o di Manzotin. Sono entrambi divorziati. Le ex mogli, lontane, antipatiche, incomprensibili per i loro occhi di bestia, si fanno vive solo per ingiunzioni tramite i loro avvocati.
La stanza di Torquato e Anatrone è un deserto secco, una pozza di polvere, una camera a gas. La vita di Torquato e Anatrone è una zona torrida.
Tra “Berlinguer ti voglio bene” e “Aspettando Godot”, i due conducono un’esistenza ai limiti del tragicomico, esilarante per troppo squallore, chiusa a doppia mandata dall’interno finchè, proprio quando tutto sembra perduto, il mondo esterno offre una flebile speranza a Torquato e Anatrone, una speranza che ha le sembianze di Guendalina, fresca e avvenente cugina di uno di loro.

Tweet about this on TwitterShare on Google+Share on Facebook

LUOGO


I commenti sono chiusi.