QUALI FANTASMI

5 Giu 2014
Teatro Era
Regia Alfonso Santagata
Con Rossana Gay, Johnny Lodi, Augusto Masiello, Massimiliano Poli, Anna Redi, Alfonso Santagata
Assistente alla regia Chiara Senesi
Scene e costumi Daniele Spisa
Luci Maurizio Viani
Produzione Compagnia Katzenmacher / Fondazione Pontedera Teatro / Teatro Kismet Opera

preview quali fantasmi

Dalla delicata ironia e dall’umorismo amaro al gioco comico del teatro nel teatro: il mondo delle classiche finzioni della tradizione napoletana viene elaborato attraverso tre atti unici che, come un unico respiro, disegnano un percorso a ostacoli retto dagli equivoci e dai travestimenti.
Gennareniello è uno schizzo d’ambiente dove personaggi dai temperamenti pratici e fantasiosi, irriverenti e inquieti, artistici e stravaganti mettono in scena le rispettive debolezze e gli inevitabili bisticci.
Amicizia è il rovesciamento crudele e mordace del nobile sentimento che dà il titolo all’atto unico. Al centro della vicenda è l’agonia di un malato le cui condizioni estreme non valgono a farne dimenticare il carattere difficile e impulsivo.
Il cilindro è il copricapo eterno e miracoloso che il protagonista, un ex custode di teatro, indossa per realizzare le sue magie quotidiane: intimidire i creditori, raggirare i malcapitati, impressionare gli sprovveduti.
Il mondo di Eduardo De Filippo si esprime al pieno in questi testi in cui si ritrovano tutti gli elementi del suo teatro: meccanismi comici e invenzioni grottesche, ambiguità e mistero, ironia e paradosso. L’elemento magico ritorna nei tre atti unici, a introdurre la metafora dell’illusione teatrale, destinata a dissolversi rapidamente come il provvisorio potere che la finzione esercita sulle cose.
Quali fantasmi inaugura un progetto triennale dedicato a Eduardo De Filippo col quale Alfonso Santagata torna alla tradizione alta del teatro di prosa, individuando nel grande drammaturgo napoletano l’ispiratore di un incontro col pubblico il più possibile vasto e differenziato.

Tweet about this on TwitterShare on Google+Share on Facebook

I commenti sono chiusi.