AA. VV.
In Cammino con lo spettatore

in cammino

Laggiù – Era – In carne e ossa

Testi di: M.Ahrne, R. Bacci, M. Buscarino, P. Castellani, S. Geraci, P. Giacchè, F. Kahn, B. Saraceno, M. Schino, F. Taviani, S. Vercelli, U. Volli
A cura di Stefano Geraci

La casa Usher, 2008
collana “Oggi, del teatro”, Quaderni 3

Alla fine degli anni Ottanta, tre opere teatrali create da un piccolo, combattivo, ma già famoso centro di ricerca teatrale (oggi diventato Fondazione
Pontedera Teatro), hanno attraversato i panorami teatrali sul filo del paradosso.
Cinque, sei spettatori-testimoni, come un equipaggio clandestino, percorrevano le vie della cittadina di Pontedera alla caccia delle segrete corrispondenze tra le pagine del Moby Dick di Melville e la realtà circostante (Laggiù soffia), viaggiavano “nella città visibile e invisibile” alla scoperta delle sue storie nascoste (Era), e infine, durante la notte, visitavano le stanze del teatro di Pontedera abitate da una vita sospesa tra veglia e sogno (In carne e ossa).
Quelle opere avevano mostrato, con delicato estremismo, la possibilità di creare, attraverso un risveglio percettivo, un’imprevedibile sincronicità tra
racconto e realtà, coinvolgendo i partecipanti in un alternarsi di intima vicinanza e di struggente lontananza dal gruppo degli attori-guida.
Gli autori degli scritti raccolti in questo volume (storici del teatro, testimoni partecipi e protagonisti della Trilogia) s’interrogano sugli snodi e
le domande aperte allora da quell’esperienza cruciale.

Tweet about this on TwitterShare on Google+Share on Facebook

I commenti sono chiusi.